Social

In nome di mio figlio (2015), di Demir Lukacevic, con Tobias Moretti | da FilmTV.it

Nei campeggi estivi e nei luoghi di vacanza circola lo spaventoso racconto dell’uomo in maschera, uno spietato serial killer che ogni tre anni individua, attira e uccide un ragazzo senza lasciare traccia. Il padre di una delle vittime, Claus Jansen, è tormentato dal pensiero di riuscire a scovare l’assassino di suo figlio e fa della ricerca frenetica e disperata una missione di vita.

Sorgente: In nome di mio figlio (2015) | FilmTV.it


FLORIDA (2015) – di Philippe Le Guay. Con Anamaria Marinca, Carine Piazzi, Christèle Tual, Clément Métayer, Coline Beal, David Clark

FLORIDA

Regia: Philippe Le Guay. Con Anamaria Marinca, Carine Piazzi, Christèle Tual, Clément Métayer, Coline Beal, David Clark. Anno: 2015

A 80 anni, Claude Lherminier non ha perso la sua vitalità. É stato il proprietario e il dirigente di un’ importante fabbrica di Annecy. Gli capita sempre più spesso, ma si rifiuta ostinatamente di ammetterlo, di avere dei vuoti di memoria, dei momenti di confusione. Carole, la figlia maggiore, che lo ha sostituito nella direzione aziendale, asseconda le bizzarre richieste del padre e non lo lascia mai solo. Ma il desiderio più grande di Claude è rivedere l’altra figlia che vive in America e così senza pensarci due volte decide di imbarcarsi su un aereo per la Florida…

Sorgente: Florida (2015) – Film – Trama – Trovacinema


Captain Fantastic (2016), di Matt Ross con Viggo Mortensen, George MacKay, Samantha Isler, Annalise Basso

Nel cuore delle foreste del Nord America, lontano dalla società, un padre fuori dal comune dedica la propria vita a trasformare i suoi sei figli in adulti straordinari. Ma una tragedia si abbatte sulla famiglia, costringendolo a lasciare quel paradiso, faticosamente costruito, per iniziare un viaggio nel mondo che metterà in dubbio la sua idea di genitore e quello che ha insegnato ai suoi figli…

Un film  Sotto i colori sgargianti della commedia indie, Matt Ross problematizza con intelligenza il tema dell’educazione degli adulti di domani.

Sorgente: Captain Fantastic (2016) – MYmovies.it


Un padre in prestito (1994), Second Best USA/Gran Bretagna, di Chris Menges. Con William Hurt, Jane Harrocks, Chris Clearly Miles

Graham Holt ha passato i quaranta, non ha mai avuto una donna sua e nemmeno il vecchio padre occupa il suo cuore più di tanto. James di anni ne ha circa una dozzina, è orfano di madre e stravede per il genitore (che sta in galera). Graham chiede di poter adottare James e, intanto, ne ottiene l’affidamento. Ma James ha un temperamento per niente facile e andarci d’accordo è un arduo problema… Una vicenda nutrita di convincente e commovente sensibilità che non cade mai nel patetico strappalacrime. Un William Hurt strepitoso per intensità magistralmente contenuta, un ambiente reso con puntuale precisione a far da esatta cornice alla vicenda.

Sorgente: Un padre in prestito (1994) | FilmTV.it

Tra Graham e James nasce un incontro-scontro creando dinamiche psicologiche complesse, che sfociano talora nello screzio anche aspro, talora nello slancio affettuoso, dato l’estremo bisogno di amore di entrambi. Durante un week-end in campeggio, Graham ricorda la delusione atroce di scoprire che la più bella settimana della sua vita, solo col padre al mare, è stata per costui un fastidio: James, commosso, diventa affettuoso. Poi lo zio materno di Graham, Turpin, gli rivela che il presunto genitore era sterile e che lui è stato adottato. Frattanto il padre di Graham, aggravatosi, viene ricoverato: a lui James regala due oggetti sottratti alla casa del bisnonno materno, dove Graham lo ha portato in visita. Improvvisamente appare il padre di James, malato di Aids: Graham decide di ospitarlo affinchè il ragazzo affronti la nuova situazione. James scappa di notte nella foresta e si scava una buca dove rivive il terribile trauma del suicidio della madre: Graham, disperato, lo trova e dorme con lui nella foresta. Al mattino gli dichiara di volere un vero rapporto come padre e figlio e non di essere una controfigura ed il ragazzo lo accetta come nuovo padre.


UN SAPORE DI RUGGINE E OSSA, di Jacques Audiard, con Marion Cotillard e Matthias Schoenaerts

ruggine ossa3194


Mi chiamo Sam (Usa, 2001, 132 minuti) di Jessie Nelson con Sean Penn,Michelle Pfeiffer, Dianne Wiest, Dakota Fanning e Laura Dern

https://cinrac.files.wordpress.com/2016/03/i-am-sam.jpg?w=590

Sam è il padre di una bambina e la sua intelligenza è proprio quella di un bambino di sette anni. Significa che sua figlia, fra poco, sarà più matura di lui. La bimba gli viene tolta dagli assistenti sociali ed è affidata a una famiglia “normale”. Ma Sam decide di non arrendersi e di combattere la dura battaglia col sistema per riavere la figlia. Lo aiuterà un’avvocatessa, a sua volta madre… provata.

Sorgente: DOMENICA 20 MARZO – La Settimana InCom – La Provincia di Como La Provincia di Como – Notizie di Como e provincia


Padri e figlie (Usa / Italia, 2015, 116 minuti) di Gabriele Muccino con Russell Crowe, Amanda Seyfried, Aaron Paul, Diane Kruger e Quvenzhané Wallis

https://cinrac.files.wordpress.com/2016/03/1443781109-padri-e-figlie-cover.jpg?w=438&h=219

98f0fbe6-610f-11e5-9f3a-4cc00eccd581_169_xl

New York, 1989. Jake Davis è uno scrittore che ha già vinto un premio Pulitzer. Quando sua moglie muore in un incidente d’auto Jake si ritrova a dover crescere la figlia Katie da solo, e a gestire una serie di problemi fisici e mentali che lo costringono ad un temporaneo ricovero presso un ospedale psichiatrico. Purtroppo Katie viene affidata alla zia, sorella della madre defunta, che nutre verso Jake un profondo rancore. New York, 25 anni dopo. Katie è diventata un’assistente sociale che si occupa di bambini disagiati e che nel tempo libero si concede a chiunque, rifiutando di instaurare legami che vadano oltre il sesso occasionale. Il grande amore che ha provato per il padre le ha lasciato un vuoto incolmabile e ha fatto di lei una persona in grado di aiutare gli altri, ma non se stessa.