Social

FORZA MAGGIORE, di Ruben Östlund, con: Johannes Kuhnke: Tomas Lisa Loven Kongsli: Ebba Clara Wettergren: Vera Vincent Wettergren: Harry, 2014

Quello dello svedese Ruben Östlund è un cinema votato all’indagine sociologica, alla riflessione sulle relazioni tra singoli e gruppi, in contesti comunitari più ampi, come già dimostrato dai precedenti The Guitar Mongoloid (2004), Involuntary (2008) o Play (2011). (da http://www.cineforum.it/recensione/Falsi_miti_falsi_eroi)

Una famiglia svedese fa una vacanza sulla neve nelle Alpi francesi. Nel corso di un pranzo su una terrazza di un ristorante, una valanga si avvicina velocemente e mette in tutti in fuga. Tuttavia la madre istintivamente protegge i figli, il padre altrettanto istintivamente fugge via prendendo con se solo gli occhiali e l’Iphone. La valanga si arresta poco prima di provocare un disastro ma ormai le dinamiche familiari risultano profondamente cambiate.  da : Forza maggiore (film 2014) – Wikiwand

dalla recensione di Simona Santoni:

Un’intrigante domanda c’è dietro a tutto ciò, un dubbio che ha sedotto a lungo Östlund: come reagiscono gli esseri umani in situazioni improvvise come una catastrofe? Chi si scopre eroe e chi vigliacco? Ecco così che i lati più oscuri e meno nobili di noi vengono a galla. In http://www.panorama.it/cinema/forza-maggiore-ostlund-recensione/

il film vuole riflettere sulle implicazioni di un fatto, statisticamente dimostrato, ovvero che in situazioni improvvise e inaspettate, come un evento catastrofico, sono gli uomini a  reagire più spesso con la fuga, a dispetto dei codici e delle convenzioni culturali. Quello che è certo è che da quel momento  la moglie (e anche i figli) si rivolteranno contro il marito (e padre) e il film assumerà le sembianze di uno psicodramma che ruota ossessivamente attorno a quell’episodio “emblematico” e coinvolgerà in lunghe discussioni anche altri ospiti dell’albergo, compresa una strana coppia già in precedenza compagna di vacanze sulla neve. da http://www.cinecriticaweb.it/film/forza-maggiore

Östlund offre una visione altra della questione, invitando a guardare oltre preconcetti ormai dati per certi, ricordando quanto la natura umana sia labile e contraddittoria, apparentemente ordinata e coerente, in realtà frutto di un costante esercizio di dominio di istinti e pulsioni in linea con princìpi precisi. Non c’è però invito trasgressivo alla liberazione dell’Io – il finale funge da monito in questo senso – ma la constatazione disarmante dei limiti della propria coscienza che, una volta scoperti, possono crollare addosso e travolgere tutto, come la valanga a inizio film. (da http://www.cineforum.it/recensione/Falsi_miti_falsi_eroi)

 

Schede informative su google:

https://www.google.it/webhp?sourceid=chrome-instant&rlz=1C1KAFB_enIT581IT582&ion=1&espv=2&ie=UTF-8#q=FORZA+MAGGIORE+Ruben+%C3%96stlund

forza-maggiore-01

 


LA STANZA DI MARVIN, di Jerry Zaks. Con: Dan Hedaya, Diane Keaton, Gwen Vernon, Hume Cronyn, Leonardo DiCaprio, Meryl Streep. 1996

Bessie, accudisce suo padre Marvin, costretto a letto a causa di un ictus. L’unico aiuto che ha, é quello dell’anziana zia Ruth e quindi Bessie sopporta con rassegnazione la sua vita. A peggiorare le cose per lei, ci pensa un medico che le diagnostica una leucemia. Solo la sorella Lee può aiutarla con un trapianto di midollo..

va alla scheda:

Sorgente: FilmUP – Scheda: La stanza di Marvin


Genitori (2015) di Alberto Fasulo,  recensione in Quinlan.it

Un gruppo di genitori e parenti di persone disabili si raccontano e confrontano, nel gruppo di autosostegno di San Vito al Tagliamento “Vivere insieme”. Alcuni di loro hanno già perso il proprio caro, ma continuano a ricevere fondamentali stimoli dal contatto con quella che ormai considerano una famiglia. Gli argomenti delle loro discussioni sono i più vari, dal diritto al lavoro del disabile a quello alla sessualità, fino all’inevitabile (e temuto) momento del distacco… [sinossi]

VAI A:

Sorgente: Genitori (2015) di Alberto Fasulo – recensione | Quinlan.it


FLORIDA (2015) – di Philippe Le Guay. Con Anamaria Marinca, Carine Piazzi, Christèle Tual, Clément Métayer, Coline Beal, David Clark

FLORIDA

Regia: Philippe Le Guay. Con Anamaria Marinca, Carine Piazzi, Christèle Tual, Clément Métayer, Coline Beal, David Clark. Anno: 2015

A 80 anni, Claude Lherminier non ha perso la sua vitalità. É stato il proprietario e il dirigente di un’ importante fabbrica di Annecy. Gli capita sempre più spesso, ma si rifiuta ostinatamente di ammetterlo, di avere dei vuoti di memoria, dei momenti di confusione. Carole, la figlia maggiore, che lo ha sostituito nella direzione aziendale, asseconda le bizzarre richieste del padre e non lo lascia mai solo. Ma il desiderio più grande di Claude è rivedere l’altra figlia che vive in America e così senza pensarci due volte decide di imbarcarsi su un aereo per la Florida…

Sorgente: Florida (2015) – Film – Trama – Trovacinema


FILM SU LAVORO DI CURA: La famiglia Belier; Tra cinque minuti in scena; Florida; Genitori; La stanza di Marvin. Rassegna cinematografica al Caregiver Day di Carpi, 2007

FILM SU LAVORO DI CURA:

2017-04-12_104450

LA FAMIGLIA BELIER, di Eric Lartigau, 2015

TRA CINQUE MINUTI IN SCENA di Laura Chiossone – recensione di di Cristina Sironi, in Scambi di Prospettive

FLORIDA (2015) – di Philippe Le Guay. Con Anamaria Marinca, Carine Piazzi, Christèle Tual, Clément Métayer, Coline Beal, David Clark

Genitori (2015) di Alberto Fasulo,  recensione in Quinlan.it

LA STANZA DI MARVIN, di Jerry Zaks. Con: Dan Hedaya, Diane Keaton, Gwen Vernon, Hume Cronyn, Leonardo DiCaprio, Meryl Streep. 1996

 

vai a:

programma delle GIORNATE DEL CAREGIVER 2017 – CARPI (MO), da www.caregiverday.it


SHAME, di Steve McQueen, con Michael Fassbender e Carey Mulligan, 2011

Brandon ha un problema di dipendenza dal sesso che gli impedisce di condurre una relazione sentimentale sana e lo imprigiona in una spirale di varie altre dipendenze. Nulla traspare all’esterno: Brandon ha un appartamento elegante, un buon lavoro ed è un uomo affascinante che non ha difficoltà a piacere alle donne. Al suo interno, però, è un inferno di pulsioni compulsive. Va ancora peggio alla sorella Sissy, bella e sexy, ma più giovane e fragile, la quale passa da una dipendenza affettiva ad un’altra ed è sempre più incapace di badare a se stessa o di controllarsi.

(da http://www.mymovies.it/film/2011/shame/)


4 MESI, 3 SETTIMANE, 2 GIORNI di Cristian Mungiu  | scheda di Nuovo Cinema Locatelli

Sorgente: Un film fondamentale stasera in tv: 4 MESI, 3 SETTIMANE, 2 GIORNI di Cristian Mungiu (sab. 25 marzo 2017, tv in chiaro) | Nuovo Cinema Locatelli