Social

In nome di mio figlio (2015), di Demir Lukacevic, con Tobias Moretti | da FilmTV.it

Nei campeggi estivi e nei luoghi di vacanza circola lo spaventoso racconto dell’uomo in maschera, uno spietato serial killer che ogni tre anni individua, attira e uccide un ragazzo senza lasciare traccia. Il padre di una delle vittime, Claus Jansen, è tormentato dal pensiero di riuscire a scovare l’assassino di suo figlio e fa della ricerca frenetica e disperata una missione di vita.

Sorgente: In nome di mio figlio (2015) | FilmTV.it


LA SCONOSCIUTA di Giuseppe Tornatore, con Ksenia Rappoport, Michele Placido, 2006

In una città italiana del nord giunge Irena, una giovane donna ucraina che, in breve tempo, trova un appartamento in cui vivere e un lavoro come domestica in una famiglia benestante. La “sconosciuta” vive segretamente con fantasmi e incubi del passato di cui teme l’improvviso ritorno. Ciò, però, non la distoglierà dall’obiettivo ultimo di riprendersi la propria vita…

Sorgente: FilmUP – Recensione: La sconosciuta

il film su Google:

https://www.google.it/search?q=sconosciuta+tornatore&rlz=1C1KAFB_enIT581IT582&oq=sconosciuta+tornatore&aqs=chrome..69i57j0l5.11431j0j8&sourceid=chrome&ie=UTF-8

Ksenia Rappoport


NON DESIDERARE LA DONNA D’ALTRI, di Susanne Bier, con Connie Nielsen, Ulrich Thomsen, Nikolaj Lie Kaas, Bent Mejding, Solbjørg Højfeldt – scheda in storiadeifilm.it

due fratelli, uno dei quali è un maggiore dell’esercito danese, in partenza per l’Afghanistan, l’altro un poco di buono, che vive di espedienti ed è appena uscito di prigione dove ha scontato qualche anno per la rapina in una banca. Ma se, apparentemente, il primo, Michael, risulta essere un buon padre di famiglia, amorevole e premuroso verso la moglie e i figli, mentre il secondo, Jannik, sembra essere un irresponsabile, l’esperienza in Afghanistan spariglierà le carte in tavola, mostrando la vera essenza dei due: la dolcezza e il senso della famiglia di Jannik, di contro alla violenza e la brutalità cui si lascia andare Michael, prima in Afghanistan, dove uccide un suo commilitone per avere salva la vita e, poi, in Danimarca, dove la gelosia per il fratello, lo porta a commettere atti inconsulti che richiederanno l’intervento della polizia e la sua detenzione in un centro di recupero psichiatrico. Ad emergere è il rapporto tra la moglie di Michael e Michael stesso. Nonostante la distanza e la dichiarata morte di quest’ultimo, Sarah non cede alla tentazione di tradire il marito con il fratello; in lei alberga ancora la speranza di rivedere il marito, di riabbracciarlo e di rinnovare il legame con lui e questa speranza non viene meno nemmeno dopo l’episodio di violenza familiare.

Sorgente: Recensione: Susanne Bier – Non desiderare la donna d’altri – storiadeifilm.it


THE BRIDGE – La serie originale – con Sofia Helin: Saga Norén e Kim Bodnia: Martin Rohde, di Hans Rosenfeldt, 2011, da Wikipedia

The Bridge – La serie originale (nota con il titolo Bron in lingua svedese e Broen in danese) è una serie televisivadanosvedese ideata da Hans Rosenfeldt.

Trasmessa dal 21 settembre 2011 sulla rete televisiva svedese SVT1

VAI A:

Sorgente: The Bridge – La serie originale – Wikipedia



ERA D’ESTATE (Italia, 2015, 100 minuti) di Fiorella Infascelli, con Massimo Popolizio, Beppe Fiorello, Valeria Solarino, Claudia Potenza e Elisabetta Piccolomini, visto al FESTIVAL DEL CINEMA ITALIANO 2017, CINEMA ASTRA di Como

Una immersione nella vita privata e intima di due italiani intrisi di etica pubblica. I loro caratteri , i loro affetti, il loro senso dell’umorismo (“come stai'” … “seduto”), la loro amicizia. Ci si affeziona a questi due. E ci si commuove. E si pensa: la polis è basata sulla responsabilità delle singole persone


Estate 1985. Giovanni Falcone e Paolo Borsellino vengono trasferiti d’urgenza all’Asinara insieme alle loro famiglie in seguito a una minaccia più allarmante del solito. I giudici stanno lavorando al maxiprocesso penale che, la storia insegna, porterà in carcere molti dei protagonisti della criminalità organizzata. Dunque entrambi sono entrati nel mirino di Cosa Nostra, ma anche di quella parte della politica che preferisce il “vivi e lascia vivere”, quando si tratta di mafia.

Sorgente: FESTIVAL DEL CINEMA ITALIANO 2017, al CINEMA ASTRA di Como. Le trame di tutti i film a cura di BiBazz, 28 gennaio-4 febbraio 2017 | Il Cinema Racconta …


Go with me (Usa / Canada / Svezia, 2015, 90 minuti) di Daniel Alfredson con Anthony Hopkins, Julia Stiles e Ray Liotta, scheda da BiBazz 

LXIII CINEFORUM
Cinema Astra, viale Giulio Cesare 3, ore 15.30 e 21, ingresso riservato ai soci con tessera
Lillian, una giovane donna da poco tornata a vivere nella sua città natale, una comunità di taglialegna ai limiti della foresta, è vittima delle persecuzioni di Blackway, un ex poliziotto diventato un potente criminale, libero di spadroneggiare impunemente in questo luogo ai confini della civiltà. Dopo essere stata abbandonata dagli abitanti, in particolare dallo sceriffo (che le consiglia di lasciare la città), Lillian decide invece di combattere il pericoloso stalker, grazie all’aiuto di un ex taglialegna e del suo giovane assistente, gli unici due uomini tanto coraggiosi (e folli) da mettersi contro Blackway.

Sorgente: BiBazz | Martedì 24 gennaio


Il cacciatore di donne, di Scott Walker, 2013 da Wikiwand

TRAMA IN : Il cacciatore di donne – Wikiwand